Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.

CALDAIA IN FORMA PERFETTA PRIMA DELLA STAGIONE FREDDA

CALDAIA IN FORMA PERFETTA PRIMA DELLA STAGIONE FREDDA

L’estate è il momento ideale per fare la manutenzione della caldaia. Scopri perché ti conviene farla ora e quali sono i vantaggi.

L’estate è in pieno svolgimento e il caldo costante rallegra le tue giornate. In realtà questo è il momento ideale per prepararti ad affrontare al meglio la stagione fredda ancora lontana. Se vuoi essere pronto è bene quindi fare la manutenzione della caldaia adesso che è spenta, così eviterai il disagio di spegnere e riaccendere il riscaldamento, quando si abbassano le temperature, disperdendo calore da una parte e sprecando energia dall’altra.


Prova infatti a immaginare quando si verifica un arresto improvviso o la caldaia va in blocco mentre le temperature sono sotto zero. Rimanere al gelo per diverse ore non è certo una bella esperienza! Se poi l’eventuale sostituzione del pezzo difettoso tarda ad avvenire per ritardi nella fornitura, il disagio e la rabbia crescono a dismisura! Meglio quindi prevedere un controllo d’estate quando l’impianto è a riposo e si possono attendere con serenità eventuali tempi lunghi di sostituzione.

Questo vale anche per la fornitura e l’installazione delle nuove caldaie quando è necessario fare il collaudo perché in caso di problemi si possono risolvere senza il timore di rimanere al freddo diverse ore.

 

Fare il controllo della caldaia è obbligatorio ogni anno?

A questo punto potresti chiederti se la manutenzione della caldaia è un’operazione obbligatoria da fare tutti gli anni.

Sebbene non ci sia un obbligo annuale per questo tipo di controllo resta il fatto che è indispensabile farla seguendo le indicazioni della casa costruttrice/ installatrice e secondo la potenza e il tipo di combustibile impiegato. È bene quindi prevederla con una certa regolarità, quindi meglio ogni anno, proprio per evitare spiacevoli interruzioni quando serve che la caldaia sia in piena e ottimale funzione nella stagione fredda. E tu ovviamente non vuoi che accadano, giusto? Tra l’altro le ditte manutentrici prevedono spesso dei piani di controllo agevolati, di modo che puoi risparmiare e avere sempre una caldaia in forma perfetta.

Questi controlli in realtà fanno sì che l’impianto si mantenga sempre efficiente e non ci siano malfunzionamenti che comportino aggravi in bolletta (stimati del 15% all’anno) e, nei casi peggiori, incidenti domestici.

Per quanto riguarda invece il controllo dei fumi della caldaia è necessario farlo ogni due o quattro anni per verificare l’efficienza energetica dell’impianto, a seconda della potenza dell’impianto e del combustibile utilizzato. Al loro termine viene rilasciato il famoso bollino blu della caldaia che altro non è che un adesivo suddiviso in due parti che rappresenta gli oneri di legge da versare (solitamente dalla ditta che effettua i controlli) e attesta che le emissioni dei gas siano conformi a quanto previsto dalla normativa. Una parte del tagliando viene apposta sul libretto e l’altra sulla copia dell’installatore/ manutentore.

 

A chi compete la manutenzione della caldaia?

Se parliamo di manutenzione ordinaria (con la quale si intendono i piccoli interventi di riparazione e il controllo dei fumi) questa spetta all’inquilino dell’immobile che ha l’obbligo di completare e conservare il libretto dell’impianto. Quella straordinaria tocca invece al proprietario, ove per straordinari si intendono tutti quegli interventi come la sostituzione di caldaia, boiler e bruciatore, la sua installazione o sostituzione dovuta all’anzianità dell’apparecchio o per eventi eccezionali come il corto circuito o fulmini.

 

Costi per la manutenzione della caldaia e incentivi per l’acquisto

Solitamente il costo del controllo ordinario della caldaia è al di sotto dei € 100,00; se invece è arrivato il momento di fare la verifica dei fumi e con la conseguente emissione del bollino blu essi sono di circa € 100,00 - 120,00. Naturalmente bisogna aggiungere il costo di eventuali componenti difettosi da sostituire.

Se devi invece installare una nuova caldaia non dimenticarti degli incentivi da cogliere al volo ancora per tutto il 2018: riguardano gli acquisti in sostituzione o le riparazioni con innovazioni nelle singole unità immobiliari e per i condomini per le riparazioni senza innovazioni o le riparazioni con sostituzione di alcuni elementi. In particolare la detrazione è del 65% per le caldaie a condensazione di classe A installate insieme a sistemi di termoregolazione di ultima generazione e del 50% se si installa una caldaia a condensazione di classe A. Nessuna detrazione è prevista se si installano le caldaie di classe B.

 

Come possono aiutarti i caldaisti di Speed Casa?

I nostri esperti caldaisti possono assisterti nei casi di:

  1. Manutenzione ordinaria  
  2. Controllo fumi
  3. Rilascio del bollino blu
  4. Fornitura e installazione di caldaie nuove 
  5.  

affinchè tu possa continuare a usufruire di una caldaia sempre efficiente, in regola con la normativa che non ti lasci a piedi nelle gelide giornate invernali. E in caso di malfunzionamenti improvvisi, c'è sempre il pronto intervento a tua completa disposizione! Inoltre, in caso di domande o dubbi sul tipo di caldaia, sul suo funzionamento e i controlli da fare, saremo lieti di rispondere a tutte le tue domande!

Contattaci per un preventivo non impegnativo! Sarà nostra cura risponderti al più presto con la professionalità e competenza consueta per evadere ogni tua richiesta!

 

 

Approfondisci il discorso degli incentivi per il risparmio energetico proseguendo la lettura sul “Bonus Verde 2018: tutte le novità”. Se invece è il condizionatore che vuoi far controllare leggi questo articolo sull’ assistenza condizionatore o scopri come fare a sfruttare al meglio il tuo condizionatore.


Siamo la prima rete di franchising edilizio in Italia al servizio dell'azienda e del singolo cittadino.