Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.

CAPPOTTO TERMICO E ALTRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE FACCIATE

CAPPOTTO TERMICO E ALTRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE FACCIATE

Il cappotto termico esterno è la soluzione ideale per evitare dispersioni di temperatura e risparmiare in bolletta. Scopri cos’è e quali sono gli altri interventi di manutenzione delle facciate. Continua la lettura!

Installare il cappotto termico è un intervento molto frequente nella manutenzione delle facciate. È un’ottima soluzione per rifare la facciata, tenere fuori il caldo d’estate e il freddo d’inverno, isolare acusticamente gli interni e risparmiare le bollette dell’energia elettrica e del riscaldamento. Puoi usufruire anche del bonus ristrutturazione per contenere la spesa, lo sapevi?

 

Cos’è il cappotto termico

È una tecnica di isolamento termico e acustico che consiste nell’applicare diversi strati di isolanti sulle pareti interne (cappotto termico interno) o sulla facciata esterna (cappotto termico esterno), che quindi ti consentono di ottenere un risparmio energetico e una rivalutazione dell’immobile. In questo articolo ti parliamo del cappotto esterno e degli altri interventi di manutenzione delle facciate.

 

Il cappotto termico delle facciate

In pratica sulla muratura dell’abitazione vengono applicati una serie di strati di pannelli isolanti sovrapposti in materiali naturali, come il sughero, la lana di roccia, la fibra di vetro o legno, o sintetici come il polistirene e il PVC. La posa di questi pannelli deve essere fatta in modo scrupoloso per garantire il massimo isolamento. Nel caso in cui vengano applicati pannelli affiancati, tra gli interstizi si inseriscono delle schiume che ne garantiscono un saldo ancoraggio fra di loro. Sia nei pannelli affiancati sia in quelli a incastro, si introducono dei tasselli che ne potenziano l’aderenza tra i vari strati e li fissano alla struttura. Si procede poi alla rasatura e alla posa dell’intonachino.

Prima di questa operazione, ma anche in contemporanea, si procede con gli altri interventi di manutenzione su altri elementi dei balconi come i frontalini, il parapetto e il sottobalcone ed eventuali elementi decorativi, cornicioni e cornici marcapiani. Si completa il tutto con una tinteggiatura finale.

 

Evita sorprese scegliendo una ditta specializzata

Ecco quindi che è molto importante scegliere una ditta specializzata che per la realizzazione di un cappotto termico non solo utilizzi prodotti di qualità ma anche che si avvalga di muratori esperti che sappiamo effettuare queste operazioni con la massima cura. Il rischio che puoi correre, infatti, è che poco tempo dopo la fine dei lavori le pareti esterne siano soggette agli agenti atmosferici e si creino, molto prima del previsto, crepe e rigonfiamenti fino al distacco dell’intonaco o di elementi decorativi, con conseguenze ancora più pericolose in quest’ultimo caso.

 

Contieni le spese ottimizzando i lavori e accedendo agli incentivi

Normalmente il rifacimento della facciata esterna si fa ogni 20-25 anni a seconda del materiale con cui è realizzata e dell’azione degli agenti atmosferici a cui è sottoposto l’edificio. Certo, è una spesa molto impegnativa quando arriva il momento di fare questo tipo di lavori, ma per fortuna rientra negli interventi previsti dal Bonus verde 2018 per i quali si possono richiedere le detrazioni fiscali, come il cappotto termico esterno che rientra negli interventi finalizzati al risparmio energetico.

In particolare si può detrarre il 70% della spesa sostenuta per i condomini che può salire al 75% richiedendo la certificazione del miglioramento della prestazione energetica dell’edificio.

Conviene fare il cappotto termico in concomitanza con il rifacimento della facciata per ottimizzare i costi di noleggio dei ponteggi, sommando così il risparmio ottenuto con quello che deriva dalle detrazioni fiscali degli incentivi del bonus verde.

Anche gli interventi parziali di manutenzione delle facciate come il rifacimento dei balconi, dei cornicioni, degli intonaci e dello zoccolo esterni rientrano nel bonus ristrutturazione: in particolare quelli relativi a singole unità abitative col presupposto che cambino caratteristiche, materiali, finiture e colori, mentre per quanto riguarda i condomini, è sufficiente mantenerli uguali a quelli preesistenti. Per vedere nel dettaglio la tipologia degli interventi ti consigliamo di consultare la Guida sulle Ristrutturazioni Edilizie dell’Agenzia delle Entrate dalla pagina 30 nelle “Tabelle dei lavori agevolabili”.

 

Come possiamo aiutarti?

Per la manutenzione delle facciate i nostri esperti coordinati dal responsabile del centro Speed Casa:

  • Eseguono verifiche dell’intonaco
  • Posano isolanti e cappotti
  • Eliminano muffe e salinazioni
  • Fanno interventi sia sulle facciate sia sulle pareti interne
  • Controllano l’integrità strutturale

Se è arrivato il momento di fare la manutenzione della facciata della tua abitazione o solo il ripristino dei sottobalconi, oppure hai qualche altra domanda sul cappotto termico, non esitare a chiederci! Mandaci la tua richiesta e ti risponderemo al più presto!

 

 

Approfondisci il discorso degli incentivi per il risparmio energetico e prosegui la lettura sul “Bonus Verde 2018: tutte le novità”. Consulta anche la Guida sulle Ristrutturazioni Edilizie dell’Agenzia delle Entrate.


Siamo la prima rete di franchising edilizio in Italia al servizio dell'azienda e del singolo cittadino.